Poldark | La seconda stagione inizia col botto!

Ok, ok scusate ma non ho saputo resistere… Inizio col “botto”, avete capito? Eh? EH? Vi prego ridete, un risolino? Un po’ di compassione? Ok. Ricomponiamoci. Poldark è tornato.

La prima puntata della seconda stagione di Poldark, comincia esattamente dove lo avevamo lasciato e visto che ricordavo pochissimo di quello che era successo negli ultimi episodi, ho faticato un attimo a mettere in ordine le idee, ricapitoliamo:
Ross Poldark è accusato di aver causato/sostenuto una rivolta, di aver causato il naufragio, di aver ucciso tale Matthew Sanson (quando continuavano a dire che fosse accusato di omicidio ci ho messo dieci buoni minuti per ricordare che in effetti non era morto nessuno di importante), il nostro eroe viene arrestato dunque e rimandato al’udienza che si terrà a Bodmin nel giro di qualche giorno.

Nel frattempo Demelza da una parte, Elizabeth dall’altra cercano di racimolare alleati. Demelza in maniera piuttosto pacata intenta a non destare sospetti, Elizabeth (quelle deficiente, ok scusate mi ricompongo) chiede aiuto niente meno che a George Warleggan aka il tizio che ha fatto accusare Ross. Well done Elizabeth, well done! *clap*clap*

Le prospettive per Ross Poldark non sono per nulla rosee, si parla addirittura di impiccagione ma, suvvia, lo show è intitolato Poldark come faremo ad avere Poldark senza Poldark?
Insomma, tutti continuano a fare cose, George, quel gran simpaticone viscido e geloso che a momenti diventa più verde di Madam Vastra di Doctor Who, commissione la pubblicazione di un giornaletto a puntate che narra le storie di un tale R.P. nel quale ovviamente R.P. è un criminale, e cosa ancora più ovvia le storie scritte sono false e diffuse con il solo scopo di diffamare Ross.

Poldark Penny Issue

Non possono impiccarmi, ho troppo d fare

Il nostro Ross Poldark non si fa scalfire dalla minaccia di poter morire da lì a qualche giorno e lavora, continua imperterrito a lavorare in miniera tra lo sbigottimento generale dei suoi operai.
Tra la gelosia di George, che ostacola in ogni modo la giustizia pur di veder soccombere il suo acerrimo nemino e quella di Francis che addirittura è geloso del cugino anche in questa situazione, perchè nonostante tutto, tutti stimano ancora Ross e si farebbero in quattro per salvarlo, l’episodio scorre via e sembra che il tempo dalla fine della scorsa stagione non sia passato. Warleggan, dopo l’ennesimo tentativo di deviare i buoni principi di Ross afferma “Grazie per essere stato prevedibile esattamente come speravo che saresti stato”

Grazie per avermi ricordato cosa può essere e cosa non può esser comprato

La lealtà, la nobiltà d’animo e il senso di giustizia. Ecco cosa non può esser comprato e Ross Poldark incarna tutti questi ideali, George Warleggan è ben lontano dal potersi vantare di non dover invidiare nulla a Ross, lontanissimo, anni luce.

E intanto BOOM Francis, sentendosi inadeguato si suicida nella camera d’albergo dell’amico di Ross, il Dr. Enys del quale avevo rimosso ogni traccia nella mia memoria (altro personaggio degno di nota, vi è partita la ship con Caroline? Eh?), camera nella quale il povero Enys dovrà ancora dormire eh!

La sfida con Victoria su ITV per la domenica sera è senz’altro aperta, stare al passo con un grande classico come Poldark per ITV sarà challenging e senza dubbio per gli amanti dei period drama inglesi la domenica sera/il lunedì saranno migliori finchè avremo puntate di queste due serie.

Che ne pensate della prima puntata? Soddisfatti? Vi aspettavate tutto questo?
Fateci sapere nei commenti e come sempre seguiteci su Facebook e Twitter!

Salva

The following two tabs change content below.

Flavia B.

Studentessa con una grande passione per le serie tv, la musica, la letteratura e i viaggi. La mia più grande abilità è procrastinare. La mia migliore amica è l'ansia. I typos il mio nemico giurato.