89th Academy Awards: ecco com’è andata l’edizione 2017 degli Oscar

Anche quest’anno è finita (che detta così sembra proprio che non vedevamo l’ora finisse), l’edizione 89 degli Academy Awards (Oscars) per gli amici ha avuto luogo domenica 26 febbraio, come di consueto al Dolby Theatre di Los Angeles quando qui in Italia era notte fonda, fondissima, quasi mattina.

A discapito delle 14 nomination di La la Land, i premi sono stati distribuiti in maniera varia e il film di Chazelle non ha battuto i record (ma ha comunque vinto ben sei statuette) mancando  il premio più importante.
La cerimonia è cominciata con Justin Timberlake a cantare “Can’t stop the feeling” è proseguita tra le ormai consuete battute su Trump, caramelle dal cielo, a un certo punto hanno pure fatto entrare in sala dei “turisti” che hanno avuto il piacere (e che piacere) di stringere le mani a Nicole Kidman e Ryan Gosling, ma niente di davvero eccezionale.

Prendiamoci un attimo per apprezzare la leggiadria di Andrew Garfield

 

Non ha vinto Fuocoammare di Gianfranco Rosi, cedendo invece il passo al lunghissimo documentario (otto ore circa) sulla vita di O.J. Simpson O.J: Made in America di Ezra Edelman. Gli italiani Alessandro Bertolazzi e Giorgio Gregorini si sono aggiudicati il premio per il Miglior trucco e acconciatura con Suicide Squad. Asghar Farhadi il regista iraniano Asghar Farhadi che ha vinto come Miglior film straniero  per protesta contro il “muslim ban” dell’amministrazione Trump.

Il colpo di scena è arrivato alla fine, quando Warren Beatty e Faye Dunaway, hanno erroneamente annunciato  il premio per il Miglior film per La La Land, salvo poi, a ringraziamenti avvenuti, esser corretti venisse correttamente assegnato a Moonlight.

 
Ecco il video del fattaccio


E l’acceptance speech di Viola Davis

E senza troppo giri di parole ecco a voi la lista completa dei vincitori (senza errori, si spera).

MIGLIOR FILM

 Moonlight

MIGLIOR REGIA

Damien Chazelle – La La Land

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

Casey Affleck – Manchester by the Sea

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA

Emma Stone – La La Land

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

Mahershala Ali – Moonlight

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

Viola Davis – Barriere

MIGLIORE SCENEGGIATURA ORIGINALE

Kenneth Lonergan – Manchester by the Sea

MIGLIORE SCENEGGIATURA NON ORIGINALE

Barry Jenkins e Tarell McCraney – Moonlight

MIGLIOR FILM STRANIERO

Il cliente, regia di Asghar Farhadi (Iran)

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE

Zootropolis, regia di Rich Moore e Byron Howard

MIGLIOR FOTOGRAFIA

Linus Sandgren – La La Land

MIGLIOR SCENOGRAFIA

Sandy Reynolds-Wasco e David Wasco – La La Land

MIGLIOR MONTAGGIO

John Gilbert – La battaglia di Hacksaw Ridge

MIGLIOR COLONNA SONORA

Justin Hurwitz – La La Land

MIGLIOR CANZONE

City of Stars (Justin Hurwitz, Benj Pasek, Justin Paul) – La La Land

MIGLIORI EFFETTI VISIVI

Robert Legato, Adam Valdez, Andrew R. Jones, Dan Lemmon – Il libro della giungla

MIGLIOR SONORO

Kevin O’Connell, Andy Wright, Robert Mackenzie e Peter Grace – La battaglia di Hacksaw Ridge

MIGLIOR MONTAGGIO SONORO

Sylvain Bellemare – Arrival

MIGLIORI COSTUMI

Colleen Atwood – Animali fantastici e dove trovarli

MIGLIOR TRUCCO E ACCONCIATURA

Alessandro Bertolazzi, Giorgio Gregorini e Christopher Nelson – Suicide Squad

MIGLIOR DOCUMENTARIO

O.J.: Made in America, regia di Ezra Edelman

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO DOCUMENTARIO

The White Helmets, regia di Orlando von Einsiedel

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO

Sing, regia di Kristóf Deák

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO D’ANIMAZIONE

Piper, regia di Alan Barillaro

 

Quali sono i vostri pareri in merito ai premi? Vi aspettavate altro? Vi è piaciuta nel complesso la serata (se l’avete vista)?

Per altre info e per seguire da vicino altre news su film e serie tv, seguiteci sulle nostre pagine social Twitter e Facebook.

The following two tabs change content below.

Flavia B.

Studentessa con una grande passione per le serie tv, la musica, la letteratura e i viaggi. La mia più grande abilità è procrastinare. La mia migliore amica è l'ansia. I typos il mio nemico giurato.